Questa volta leggo ...#1 Leggere è una faccenda da gatti, di Alex Howard


Questa recensione  è un po' speciale, E' la prima per me di una nuova iniziativa proposta da  ChiaraDolci e Laura.
L'iniziativa si chiama Questa volta leggo, ogni mese insieme ad altre blogger sceglieremo un tema comune e ognuna di noi leggerà un libro e proporrà la recensione sul proprio blog.
Per il mese di febbraio abbiamo pensato di recensire un libro regalato a Natale. Premetto subito che io di libri non ne ho ricevuti (mi sembra logico non regalare libri a chi legge tanto!) così ho dovuto optare per un libro regalato a mio marito (ditemi voi perché a lui sì e a me no! Mah, misteri insondabili della vita), in questo modo ho avuto l'onore di incontrare GB.



Descrizione

Con una zampa bianca e una nera e i suoi baffi eleganti, il Gatto della Biblioteca non è un gatto come gli altri. Al calore di una casa preferisce la biblioteca dell'università di Edimburgo. I libri sono la sua vera passione, oltre al bacon e ai grattini dietro l'orecchio sinistro. È nei libri che trova le rispose ai rompicapo più stravaganti e scopre universali verità filosofiche. Sono le pagine di Nietzsche, Joyce, Shakespeare, Orwell e Heaney a farlo riflettere sulle cose del mondo. Ma soprattutto gli insegnano l'arte di leggere le profondità dell'animo umano e coglierne i segreti più nascosti. Gli uomini, infatti, sono esseri complicati, a volte fragili e ingenui. Eppure, in fondo, desiderano tutti le stesse cose: trovare l'amore, scoprire passioni nascoste, vivere emozioni forti. Da lettore esperto, il Gatto della Biblioteca sa bene che per ognuno di questi desideri c'è il libro giusto...




Recensione

GB è il Gatto della Biblioteca dell'Università di Edimburgo, è un gatto pensante, un gatto che a differenza di altri che conducono una vita pacifica dormendo e mangiando, frequenta la biblioteca.

"Questo è dovuto al fatto che quando aveva solo due mesi qualcosa ha incominciato ad accendersi nella sua mente, La scintilla del pensiero. E così ha fatto ciò che tutti i gatti pensanti sono destinati a fare: si è messo in cerca di libri. Ecco perché anche oggi potete trovarlo alla biblioteca dell'Università di Edimburgo o nei paraggi, sulla sua poltrona preferita nell'atrio, il punto ideale per dormire, pensare e osservare".

GB ci racconta le sue avventure all'interno della biblioteca, la sua passione per il bacon e i grattini.
Come tutti i gatti ha il terrore del veterinario e del famoso collare che mettono agli animali per impedire che si lecchino ferite, caccia i topi, adora le gattine, ha le sue antipatie e simpatie, pensieri positivi e negativi, ma ama i libri.
Lo stile con cui vengono narrate le sue vicende è molto semplice, a volte anche banale, ma dietro le riflessioni di GB io ho intravisto tanta ironia, una sorta di presa in giro delle abitudini e delle ambizioni umane. 
GB spesso ha come la sensazione che gli uomini non capiscano come funzioni una biblioteca, frequentando il gattacolo, uno spazio particolare della biblioteca dedicato ai gatti, ci dice:

"Il Gattacolo è caldo. Spesso si trova nella parte più alta di una biblioteca, dove le ragnatele, le travi e i travetti di legno si intrecciano sopra le teste dei gatti. E' luminoso, e la vista che si gode da lì è spettacolare. Spesso è munito di finestre piccole e basse, da cui il gatto pensante di turno può sbirciare quando vuole riflettere in modo approfondito sul particolare testo cui sta dedicando al momento la sua attenzione.

Un tempo, lo sapeva, le biblioteche umane erano molto simili al Gattacolo: Ma un giorno era arrivata una cosa chiamata Riforma del sistema educativo. Le università si erano trasformate in catene di montaggio che sfornavano intellettuali da classe media, scuole il cui unico scopo era ingrossare le file di case editrici e società di consulenza."

Ed ecco il punto forse più importante: la perdita da parte degli umani del vero piacere di leggere, studiare ed informarsi. Anche quando ci parla del modo di vivere degli studenti, delle regole assurde a cui devono sottostare, GB rimane come allibito, e non sempre riesce ad approvare quello che fanno.
Non mancano poi consigli di lettura alla fine di ogni capitolo. Consigli che nascono da particolari sensazioni provate da GB e delle varie scoperte che fa riguardo agli umani che possono essere, malgrado i diversi stili di vita che adottano, gentili, generosi, affabili, ma anche ostili e parecchio sciocchi. Ora, non posso dire che sia una delle letture più interessanti del mondo, certo è che dà un quadro della vita umana non sempre esaltante, ma i pensieri di GB sono molto interessanti e divertenti rendendo il libro godibile. Una lettura ideale per passare un pomeriggio piovoso in casa al caldo, su una poltrona con una coperta e una gattina sdraiata sulle gambe che fa le fusa.
Non c'è niente di più rilassante, anche se comincio a guardare la mia gatta con occhi diversi. Chissà se anche lei è una gatta pensante dato che si diverte un mondo a sdraiarsi sui libri mentre i miei figli studiano!

Vi ricordo che Questa volta leggo continua su altri blog. Per non perdere nessuna tappa vi allego il calendario.









Commenti

  1. Adoro le biblioteche anche se con l'avvento del Kindle non le frequento più, adoro i gatti. Questa storia la devo leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovata carina, ma ho anche letto parecchie recensioni negative.

      Elimina
  2. Ciao Laura, non leggo spesso libri con protagonisti animali, ma il messaggio che lascia questo è interessante! Sono contenta di averti a bordo di questa avventura e concordo con te sul fatto che è assurdo che noi non riceviamo regali libreschi. Io me li faccio, tiè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'ora in poi mi arrangio anch'io. E non solo a Natale!

      Elimina
  3. Ohhh sai che avevo visto questo libro qualche giorno fa? Mi piace molto la tua recensione mi stai invogliando alla lettura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero ti piaccia. A me GB è simpatico.

      Elimina
  4. Lo segno in caso abbia necessità di intervallare letture più impegnative 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è proprio una lettura leggera leggera, ma ogni tanto ci vuole.

      Elimina
  5. Io ho un grosso problema (tra gli altri): i libri con gli animali protagonisti non riesco quasi mai a leggerli perché se poi la bestiola di turno finisce male io rimango depressa per una settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quando ho un gatto, anche io mi deprimo se l'animale di turno fa una brutta fine :(

      Elimina
    2. Non leggetelo allora, GB non fa una brutta fine, ma ha qualche guaio e la cosa non fa bene a chi ama i gatti come noi.

      Elimina
  6. Adoro i gatti da quando abbiamo preso un gatto in casa e quindi libri del genere stuzzicano sempre la mia curiosità, me lo segno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho letto proprio per quello, solo che ora guardo la mia gatta con occhi diversi.

      Elimina
  7. Sotto questi libri che sembrano carini all'apparenza spesso si nascondo grandi fregature... però devo dire che non mi dispiacciono affatto i libri con protagonisti animali... potrei farci un pensiero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ho letto che recensioni negative!

      Elimina
  8. Se non avessi letto la tua recensione forse non l'avrei mai preso in considerazione. Ora invece hai solleticato la mia curiosità e appena mi accreditano lo stipendio (speriamo in lunedì) credo proprio che sarà uno dei prossimi acquisti. Da quando ho un gatto ho timore di leggere libri con animali, mi deprimo anche io come Lauretta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È' particolare. A me è piaciuto, ma c'è a chi non ha detto e lasciato proprio niente.
      Prova a cercarlo in biblioteca!

      Elimina
  9. Sai che dice sempre la Franzellitti? Niente libri con gatti in copertina, niente libri che parlino di libri (esclusa la Basso), niente libri con libri in copertina. A parte questo, bella recensione, ma il libro credo non rientri proprio nelle mie corde (e penso tu lo sappia!).

    RispondiElimina
  10. Interessante e dire che lo stavo lasciando indietro!

    RispondiElimina
  11. A volte mi è capitato di leggere libri con protagonisti i Gatti. Quando termino la lettura penso sempre che forse anche il mio Milo ha quei pensieri...

    RispondiElimina
  12. I libri che hanno come 'protagonisti' libri e librerie non mi attirano perché temo che mi deludano, ma con un gatto così come si fa a resistere ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GB è particolare, non si può non volergli bene.

      Elimina
  13. Che bello questo libro: biblioteche, gatti e libri! Cosa si vuole di più!

    RispondiElimina
  14. Questo libro non l'avrei mai preso in considerazione ma la tua recensione mi ha incuriosito: mi piacciono gli animali (anche se preferisco i cani ai gatti) ma non ne ho per questioni logistiche, poi adoro le biblioteche quindi direi che lo metto subito in WL!

    RispondiElimina
  15. Interessante! E sembra anche molto particolare.

    RispondiElimina
  16. Sembra davvero carino questo libro 😍 non lo conoscevo. Grazie mille

    RispondiElimina
  17. Io sono una gattara e ne vado fiera.
    Ma trovo che romanzi del genere siano solo un modo per accalappiare soldi facili.
    Quindi li boicotto.
    Però la tua recensione è molto carina! :)

    RispondiElimina
  18. Io non amo molto i gatti ma anche se il libro sembra simpatico non credo che lo leggerei :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi allora che non fa proprio per te.

      Elimina
  19. Mi è venuta voglia di leggerlo!
    ciao da Lea

    RispondiElimina
  20. Sono gattara fino al midollo e oltre. Amo i libri ( ma che strano! ). Ne ho letti vari in questi ultimi mesi, ma dopo un po' sembrano assomigliarsi tutti tra loro. Magari tra un po' :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gattara anch'io. Per vent'anni mio marito non ha voluto gatti in casa, ma due anni fa mi sono decisa e ho portato a casa Minou. Adesso è quello che la coccola di più.

      Elimina
  21. Adoro i gatti, ma preferisco tenerli sulle gambe a far le fusa mentre leggo...altro! Bacioni dalla Bacci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io leggo con il gatto sulle gambe.

      Elimina

Posta un commento