Questa volta leggo...#2 La profezia di Cittastella di Guido Conti




Ed eccoci al secondo appuntamento dell'iniziativa Questa volta leggo proposta da Dolci (Le mie ossessioni librose), Chiara La lettrice sulle nuvole e Laura (La libridinosa).


 L'obiettivo per il mese di marzo era postare la recensione  di Un libro che non siamo riuscite a leggere nel 2017.
Io ho scelto La profezia di Cittastella. Ad Aprile dell'anno scorso ho assistito alla presentazione di questo libro e come storia mi ha parecchio incuriosita, così è finito nella mia lunghissima Wish List.Grazie a questa iniziativa finalmente l'ho letto e devo dire che mi è proprio piaciuto.

Allego anche il calendario delle prossime recensioni, così potete andare a leggere anche quelle delle ragazze con cui collaboro.


Descrizione

Novembre 1510. Piove da giorni e il Po è in procinto di allagare le terre che circondano la casupola di frate Berardo, isolandolo completamente, quando alla sua porta si presenta un cavallo sfiancato, che porta con sé un neonato. Berardo, che vive solo e conosce le virtù delle piante curative, lo accoglie e gli insegna tutto ciò che sa: gli effetti prodigiosi della medicina naturale, i segreti della caccia e della pesca e i trucchi della navigazione sul Po. Ma soprattutto gli insegna ad avere rispetto per il Grande Fiume, ad amare ogni essere vivente, a vivere in armonia con ciò che lo circonda. Nella vicina Cittastella, intanto, regna il duca Filippo, sovrano sanguinario che trascorre le proprie giornate tra astrologhi, giullari e buffoni, mentre i sudditi reclamano pane e giustizia e i nobili locali tramano per spodestarlo. Quindici anni dopo, il bambino che conosce tutti i recessi del bosco ma non ha mai sperimentato la frenesia e i pericoli della città è diventato un ragazzo vivace e sicuro di sé, legato a Berardo da un affetto profondo. Sarà l'amore per la bellissima Eleonora che porterà Ruggero a Cittastella, su cui incombe una profezia che sta per avverarsi. Tra la minaccia della peste, il tradimento dei compagni di viaggio e il prezioso aiuto dell'amico Francesco, Ruggero si troverà a compiere scelte importanti per la propria vita e il destino del regno. Sullo sfondo di picaresche avventure, s'intrecciano le storie di personaggi indimenticabili, tra cui il nano Rodomonte e Gonella, ambiguo e cinico buffone di corte, mentre infuriano gli scontri sanguinosi tra signorotti locali, i lanzichenecchi al servizio dell'imperatore Carlo V portano morte e distruzione, e il papa mira a espandere i propri territori. A partire da un'accuratissima documentazione storica e sulle ali di una scrittura duttile e immaginifica, Guido Conti mette in scena un romanzo che è insieme la ricostruzione di un periodo storico affascinante, un'avventura ricca di colpi di scena e il resoconto appassionante della lotta di un coraggioso ragazzo contro l'ingiustizia.

Recensione

1510: il conte di Cittastella uccide in maniera efferata la moglie.
Una donna scappa a cavallo con un bambino in braccio.
Cosa sta succedendo nell'immaginaria città?
Perché Cittastella è un luogo che non esiste, ma è inserito in un contesto storico ben preciso, quello del Rinascimento, un periodo di lotte, crudeltà, omicidi compiuti per smania di potere, in cui anche il papa stesso non disdegna lotte e battaglie per conquistare nuovi territori o per mantenere quelli già in suo possesso.
In continui scontri di potere è ambientata la storia di Ruggero, il bambino salvato dalle mani del duca grazie alla sua balia e allevato poi da un frate solitario in una capanna sulle rive del Po.
Il bambino è un pericolo per il crudele duca di Cittastella che lo cerca per anni e anni e che lo vuole uccidere. Ma Ruggero ha dalla sua parte le stelle, amici che lo aiutano e per il conte non sarà facile trovarlo. 
E' un romanzo storico notevole. E' ben scritto, i personaggi sono caratterizzati e descritti molto bene. Ruggero non si tira indietro per combattere per ciò in cui crede, per difendere le persone amate dalla crudeltà del conte, rischiando anche la propria vita in fughe e combattimenti e soprattutto quando i Lanzichenecchi portano la peste nella Pianura Padana. E poi abbiamo il dolcissimo Fra' Berardo che lo alleva con amore come se fosse suo figlio insegnandogli a rispettare tutto ciò che di bello può offrire il grande fiume, Dio e la natura.
In un momento di grandi massacri, orrori, violenze e malattie, in una continua lotta per la sopravvivenza dove popolo, regnanti, soldati e frati pensano solo al proprio interesse, Ruggero sarà come una piccola luce di speranza per molti. Amo molto i romanzi storici e questo è forse uno di quelli che mi è piaciuto di più.
E la profezia? Se volete sapere di cosa si tratta non dovete fare altro che leggerlo!

Commenti

  1. Sembra molto interessante! E la chiusa mi ha messo la curiosità di conoscere questa profezia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora buttati. la curiosità va sempre soddisfatta!

      Elimina
  2. Curiosa io! I romanzi storici mi hanno sempre appassionata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piacciono molto e li leggo sempre volentieri.

      Elimina
  3. Ce l'abbiamo fatta! Sembra interessante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con fatica ma ci sono riuscita.

      Elimina
  4. io invece non amo molto i romanzi storici, o meglio sono pochi quelli che riescono a farsi amare. Sembra però molto accurato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Chiara. Si fa leggere, ma se non ami molto questo tipo di romanzi allora non fa per te.

      Elimina
  5. Bella recensione! Non è facile trovare romanzi storici ben fatti.

    RispondiElimina
  6. Ciao, io di solito leggo quelli ambientati nell'800, ma questo sembra interessante.
    un saluto da lea

    RispondiElimina
  7. Io di solito non amo i romanzi storici, non riesco ad apprezzarli come meritano. Però qui la storia della profezia mi incuriosisce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ami i romanzi storici allora non è una lettura facile.

      Elimina
  8. Uno storico davvero interessante, di solito non ne leggo molti ma meritano sicuramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacciono molto, però ogni tanto li alterno a letture più semplici.

      Elimina
  9. Non conoscevo l'autore, ma secondo me questo romanzo è proprio interessante!
    Grazie Laura, per la segnalazione. Lo devo leggere assolutamente :)

    RispondiElimina
  10. Mi aveva molto incuriosita la presentazione fatta a Cernusco, come ben sai. Ma, come al solito, tra un libro e l'altro, questo è finito nel dimenticatoio. Devo assolutamente recuperarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letto grazie alla presentazione e mi è piaciuto. Spero piaccia anche a te.

      Elimina
  11. come per Laura stessa cosa successa anche a me! mi ripromettevo di leggere questo libro ma poi me ne sono scordata fino a che non ho letto la tua recensione! ecco vedi quanto è importante questa rubrica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Importantissima! Abbiamo talmente tanti libri da leggere che ogni tanto qualcuno finisce nel dimenticatoio. Spero ti piaccia.

      Elimina
  12. Gli storici non sono tra i miei preferiti perchè ho sempre paura che mi risultino noiosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti capisco. Ogni tanto me ne capitano alcuni che sono così noiosi da farmi dormire sonni profondi.

      Elimina
  13. Non conoscevo questo romanzo storico. Segno!

    RispondiElimina
  14. Risposte
    1. Grazie comunque per il tuo passaggio

      Elimina
  15. I romanzi storici fatti mani mi piacciono e questo non lo conoscevo, grazie

    RispondiElimina
  16. Non so perché, ma c'è qualcosa nella trama che non mi convince al 100% :/ peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora meglio lasciar perdere. Mai leggere un libro che non ti convince, ne so qualcosa!

      Elimina
  17. Curioso! Le profezie mi piacciono sempre nei libri... non lo conoscevo questo, magari ci faccio un pensiero per il futuro ;)

    RispondiElimina
  18. amo molto i romanzi storici perchè mi lasciano sempre qualcosa di particolare. Questo sembra curioso

    RispondiElimina

Posta un commento