Tu leggi? Io scelgo...#5 Pane cose e cappuccino dal fornaio di Elmwood Springs di Fannie Flagg


Benvenuti al nuovo appuntamento di questa rubrica ideata da ChiaraDolci e Rosaria. Ogni mese bisogna scegliere un libro da un blog che partecipa a questa iniziativa. Questo mese dovevo scegliere un libro dal blog di Dolci.
Io ho scelto questo libro della Flagg.


Titolo: Pane cose e cappuccino dal fornaio di Elmwood Springs
Autore: Fannie Flagg
Editore: Bur
Data di pubblicazione: 19 aprile 2000
Pagine: 468
Costo: cartaceo € 9,00 eBook 5,99

Descrizione:
Dena è una splendida e ambiziosa stella nascente della televisione degli anni Settanta. L'aspetta un futuro più che promettente, ma il suo presente è irto di complicazioni e il passato avvolto nel mistero. Tutti i nodi della sua vita vengono al pettine quando è costretta a lasciare l'amata New York per fare ritorno nella cittadina della sua infanzia, Elmwood Springs, Missouri. Dove rivede una vecchia amica pronta a buttarsi nel fuoco per lei; i parenti chiaccheroni ma saggi; una pioniera delle trasmissioni via etere. E altri personaggi teneri e bizzarri, tutti ammaliati da una donna che, senza sapere dove sia la sua casa e neppure cosa sia l'amore, proprio grazie a loro mette le basi per un futuro nuovo ed inaspettato.

Recensione:

So già che quando le mie colleghe blogger leggeranno questa recensione mi lanceranno addosso maledizioni a non finire, ma devo essere onesta, questa volta il personaggio femminile descritto dalla Flagg in questo libro non mi è proprio piaciuto.
Naturalmente ho apprezzato Elmwood Springs con la sua vita semplice, con le sue case dai portici invitanti, i giardini, un paese dove tutti conoscono tutti; ho amato Neighbor Dorothy e la tranquillità di Malacky, un uomo dolce, gentile e molto paziente nei confronti dell'agitatissima moglie e della zia Elmer che spesso ricorre ai suoi servigi e  i salti temporali precisi che offrono un quadro perfetto su cosa sia stata la vita di Dena, il personaggio principale dalla vita difficile con una madre fredda a cui non piacevano le manifestazioni d'affetto, ma devo essere sincera, se avessi potuto strozzarla con le mie mani lo avrei fatto volentieri, l'ho trovata piuttosto antipatica e piena di se e solo alla fine l'ho in parte rivalutata.

E' un libro che offre notevoli spunti di riflessione, soprattutto per quanto riguarda  la discriminazione  razziale e i problemi riguardanti gli ascolti televisivi e quanto siano determinanti per la carriera dei presentatori, ma Dena...

Dena è un'altra cosa. E' una donna bellissima, in carriera, che ad un certo punto crolla sotto il peso dello stress e che si accorge che forse c'è di meglio che rovinarsi la vita con amori sbagliati, alcool e un lavoro che la prosciuga dentro, ma Dena a mio avviso è anche una donna priva di empatia, poco disposta nei confronti delle persone che la amano e che vorrebbero aiutarla.

Grazie al cielo, dopo un percorso difficile e un tuffo nel passato che ha sempre snobbato e rifiutato riuscirà a riscattarsi , ma per lei non sono proprio riuscita a provare quell'affetto che invece avevo provato per l'eccentrica Miss Alabama.
Diciamo che Neighbor Dorothy con la sua casa e la sua trasmissione radiofonica hanno fatto breccia nel mio cuore più facilmente, e poi chi non vorrebbe vivere in un paese come Elmwood Springs?
Sono sincera, come al solito la Flagg mi ha fatto sognare, ma Dena...Lo avete capito!

Qui sotto trovate l'elenco delle altre recensioni della rubrica.




22 commenti:

  1. Questo per me è stato il primo libro che ho letto della Flagg. Ho adorato tutto compresa Dena, peró capisco che possa non piacere a tutti il suo personaggio. L'autrice è molto brava nel raccontare in modo lieve ma incisivo Delle discriminazioni razziali. È una delle sue notevoli doti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la trovo fantastica, anche se non ho apprezzato Dena la Flagg riesce sempre a colpirmi.

      Elimina
  2. Dovrò decidermi a leggere qualcosa di questa autrice, mi sta tentando da troppo tempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me i suoi libri ti piaceranno. Prova.

      Elimina
  3. Questa è un'autrice che da tantissimo tempo mi ripropongo di leggere. Complimenti per la recensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie molto gentile. Spero ti possa piacere.

      Elimina
  4. No, perché ti dobbiamo insultare?
    Il bello dei romanzi è che sollevano sempre quesiti e reazioni differenti.
    Leggere e approfondire le varie reazioni di altri lettori e lettrici è fondamentale per il proprio arricchimento personale. Per cui ben vengano le opinioni diverse! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere leggere il tuo commento. Spesso le persone reagiscono in malo modo a critiche nei riguardi di autori che amano molto, però non ha tutti possono piacere gli stessi libri.

      Elimina
  5. Io sono la voce fuori dal coro, non amo molto lo stile della Flagg. Quindi passo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello che ognuno di noi abbia idee e opinioni diverse, altrimenti sai che monotonia?

      Elimina
  6. Non ho mai letto nulla di quest'autrice, dovrei iniziare. Mi spiace che questo non ti sia piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me. Di solito la Flag mi piace tantissimo. Questa volta però il suo personaggio non mi è proprio piaciuto.

      Elimina
  7. Il mio primo libro della Flagg e mi era piaciuto molto.

    RispondiElimina
  8. lo confesso: i libri di questa autrice mi mancano!

    RispondiElimina
  9. Ho letto qualche libro della Flagg e li ho trovati piacevoli, questo mi manca ma, per il momento, passo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte bisogna aspettare il momento giusto per leggere un libro.

      Elimina
  10. Ciao, la Flagg l'ho conosciuta proprio grazie a questa rubrica con " Miss Alabama e la casa dei sogni", mi è piaciuto molto e spero di recuperare altri libri, prima della fine dell' anno tra cui questo " Pane, cose e cappuccino ".

    RispondiElimina
  11. Purtroppo i libri della Flagg non mi attirano per niente e non credo che li recupererò mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non te la senti di leggerli fai bene. Abbiamo troppi libri da leggere per perdere tempo con quelli che non ci attirano.

      Elimina