L'estate più bella della nostra vita di Francesca Barra


Titolo: L'estate più bella della nostra vita
Autore: Francesca Barra
Editore: Garzanti
data di pubblicazione: 18 aprile 2017
pagine: 204
Costo: cartaceo € 16,60 eBook €9,99

Gli adolescenti si sentono sempre nel posto sbagliato, al momento sbagliato. se provassero a guarire da questa insicurezza, accelererebbero la meraviglia, invece dello spavento.

Descrizione

L’estate è la stagione della libertà, dei sorrisi e del profumo di salsedine. Ma per Giulia e Lorenzo quest’anno tutto è diverso. Sono costretti a trascorrere due lunghi mesi in Basilicata, la terra d’origine della madre. Una terra lontanissima da loro, cresciuti al Nord. Una terra di cui non hanno ricordi, perché da quando erano piccolissimi non ci sono più tornati. Una terra dove c’è una famiglia di cui non sanno nulla. I due ragazzi preferirebbero essere da qualsiasi altra parte invece che con quei nonni così all’antica, quelle zie troppo amorevoli, quei cugini che pur essendo coetanei sembrano distanti anni luce da loro. Eppure giorno dopo giorno scoprono la magia di un posto dove sembra che il tempo si sia fermato. Dove lo stare a tavola insieme vuol dire prendersi cura l’uno dell’altro. Dove l’amicizia è un valore importante. Ma anche lì, in quei luoghi che profumano di liquirizia selvatica, ci sono dolori che non si ha il coraggio di portare in superficie. Ci sono segreti che raccontano di un amore che ha diviso una famiglia. Che ha diviso tre sorelle per troppo tempo. Ora Lorenzo e Giulia sono pronti a rompere quell’equilibrio di bugie e segreti, sono pronti a farle riavvicinare. Perché non esiste mai una sola verità. Perché dopo mille estati malinconiche arriva sempre un’estate in cui si diventa adulti per davvero. Un’estate in cui si riavvolge il filo di ciò che si credeva perduto per sempre in silenzi e malintesi. Un’estate in cui ci si innamora, in cui i ricordi non fanno più male. L’estate più bella della propria vita. Francesca Barra torna alle atmosfere che l’hanno fatta amare dai lettori: la Basilicata e i legami familiari. Dopo il grande successo di Verrà il vento e ti parlerà di me e Il mare nasconde le stelle, un nuovo attesissimo romanzo indimenticabile. La storia di amori e amicizie che permettono agli adolescenti di diventare adulti felici. La storia di tre sorelle e la difficoltà di un'unione così forte e innata. La storia di un’estate che ha perso il suo velo di nostalgia per diventare quel momento in cui ogni cosa torna al suo giusto posto.


Recensione

Siamo in Basilicata, le tre sorelle Timpone, ognuna con i propri sogni più o meno realizzati, "stanno" sedute sulle loro sedie all'esterno della loro casa. Parlano fra di loro e cominciano a ricordare.
Ricordano la loro giovinezza, i loro amori, i dispetti e le ripicche, e attraverso i ricordi si dipana la storia della loro vita, fatta di gioie e di grandi dolori che segnano l'anima lasciando profonde cicatrici.
E ognuno di noi, leggendo, può tornare al proprio passato. Ricordare un amicizia particolare, una musica che riporta alla mente estati bellissime passate con gli amici ad ascoltare le canzoni del momento e provare, perché no, nostalgia per quanto di bello è accaduto nell'età dell'adolescenza. Si ripensa poi a quello che si desiderava fare da grandi e lo si confronta con ciò che realmente siamo diventati.
La caratteristica più interessante del libro è lo scontro generazionale fra le tre sorelle e i loro nipoti, tra i diversi modi di vivere del Nord d'Italia e quelli del Sud così contrapposti, ma non così distanti da non poter trovare punti di congiunzione, cosa che puntualmente riescono a fare i nipoti delle Timpone, così diversi come carattere e comportamenti, ma che riescono con la spensieratezza tipica dei giovani ad imparare a volersi bene e ad aiutarsi. E' una storia di amicizia, amore, riscaldata dal sole della Basilicata e alimentata dal mare, che ha un ruolo importante in questa famiglia.
L'empatia con le sorelle Timpone e le loro vicende familiari è stato immenso. Francesca Barra è stata così brava nella stesura di questo romanzo e a catturare l'attenzione del lettore che non avrei mai voluto finire il libro. Attraverso la lettura poi ho imparato ad amare la Basilicata tanto che avrei voluto salire sul primo aereo per visitare i luoghi descritti.
Comincio a pensare che la lettura sia pericolosissima per il portafoglio, non solo perché quando si entra in una libreria si ha la tendenza a comprare il mondo, ma anche perché così come viene raccontato e se l'autore è così bravo , ti viene voglia di vederlo questo mondo, di conoscerne gli odori, i sapori e le usanze, ed è questo che mi è successo con il libro della Barra, un libro bellissimo e commovente.


6 commenti:

  1. Laura ti capisco perfettamente. Ho adorato questo libro e mi ritrovo nelle tue parole. Li stile della Barra mi ha conquistata, quelle tre sorelle e le loro dinamiche, bellissimo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho adorato. Non riuscivo a smettere di leggere.

      Elimina
  2. Dev'essere un romanzo bellissimo! Proprio quello che fa per me in questo momento. Adoro le storie che trattano dei ricordi!

    RispondiElimina